Tuta Puma

Sconto Tuta Puma - Enormi sconti in vendita online. Spedizione gratuita e nessuna imposta sulle vendite.

Nell'ultimo anno le vendite sono calate del 23 per cento, ma la casa di moda milanese – dicono gli esperti – può ancora riprendersi Chi sono le aziende che dominano il mercato dell'"eyewar", producendo montature per i maggiori brand: quattro sono italiane, ma qualcuno vuole cambiare regime Avrà un'unica linea di abbigliamento anziché tre e una nuova fabbrica in Inghilterra; e poi c'è la campagna pubblicitaria per Natale ispirata a Billy tuta puma Elliot.

In un recente articolo il Financial Times ha spiegato che la percezione che si ha della tuta puma fotografia di moda sta cambiando: le foto che vengono commissionate solitamente per i servizi di moda delle riviste specializzate, o per le pubblicità di un marchio, non sono più considerate semplicemente prodotti commerciali, ma vengono sempre più spesso stampate e vendute come opere d’arte fotografica, anche a prezzi molto alti, soprattutto a una generazione di collezionisti giovani, Per fare due esempi: una foto del fotografo americano  Steven Meisel può costare più di 50 mila euro, mentre una dell’inglese  Nick Knight può arrivare a costare anche 105 mila euro..

Secondo Philippe Garner, responsabile della sezione fotografia della famosa casa d’aste britannica Christie’s, la tendenza a collezionare fotografie di moda alla pari di un’opera d’arte è aumentata a suo tempo con la diffusione delle riviste di moda, La cosiddetta “ fashion photography ” per Garner «gioca un ruolo sempre crescente nell’esplorazione delle idee sulla società, sui gruppi sociali, sulle culture e sulle sottoculture, Non è solo l’illustrazione di un abito, ma è una suggestione di tante cose», Per molti anni però questo tipo di fotografia non è stata apprezzata e veniva considerata solo come un lavoro commissionato da un cliente e destinato alla promozione, Sul New York Times, Andy Grundberg, critico d’arte tuta puma e professore alla George Washington University spiega che fino a qualche decennio fa la fotografia di moda era considerata dagli artisti e dai rivenditori d’arte come «meno pura» rispetto a ogni altro tipo di fotografia..

Questa visione è cambiata molto e oggi le fotografie di moda hanno un loro cospicuo giro d’affari, sia per i fotografi che per i galleristi. Secondo Christopher Mahoney, della casa d’aste Sotheby’s, parte del merito è di Irving Penn e Richard Avedon, due tra i più famosi e apprezzati fotografi di moda americani, che tra gli anni Quaranta e gli anni Settanta «hanno spinto la fotografia di moda oltre il suo intento editoriale – o pubblicitario – verso il regno dell’arte». Le loro foto ora hanno un valore economico altissimo: la foto “Dovima With Elephants” (quella dove la modella Dovima è in posa davanti a degli elefanti), ad esempio, scattata da Avedon nel 1955, è stata battuta all’asta cinque anni fa al prezzo di circa 1 milione di euro, mentre il valore delle opere di Penn è oggi intorno ai 500 mila euro.

Carrie Scott, consulente che lavora con fotografi contemporanei come Nick Knight, David Sims e Lord Snowdon, ha detto al Financial Times che questo è il momento giusto per investire sulla fotografia di moda e soprattutto sui fotografi contemporanei, Le fotografie che vale la pena comprare sono quelle realizzate per i servizi di moda, per le pubblicità, ma anche quelle non pubblicate, che spesso vengono destinate tuta puma solo alle gallerie, A determinare il successo e il valore di una fotografia di moda concorrono diversi fattori: non bastano solo il soggetto e gli abiti scelti, ma ci sono anche ad esempio la tecnica utilizzata per realizzarla e le dimensioni in cui una fotografia viene stampata, Da questo punto di vista non ci sono delle regole precise, ma solo l’intuito di chi la scatta, Contano però anche la fama del fotografo, quanto è famoso il soggetto fotografato e se chi ha fatto la foto l’ha firmata o ci ha scritto sopra delle annotazioni, Nemmeno il soggetto della fotografia è sufficiente per assicurare le vendite e il Financial Times scrive che un fattore decisivo è la disponibilità delle foto..

Tra i fotografi che oggi sono considerati dagli addetti ai lavori forti in entrambi i settori ci sono l’americano David LaChapelle e il francese Patrick Demarchelier : LaChapelle è conosciuto per le sue foto molto colorate e a volte anche estreme (per i soggetti e le loro pose) che – pubblicate solitamente su riviste come Vogue, Vanity Fair, GQ e Details – vengono vendute ai collezionisti per un prezzo che oscilla dai 17 mila ai 33 mila euro. Le opere di Demarchelier (quello citato più volte nel famoso film “Il diavolo veste Prada”, tra le altre cose) sono più sobrie e spesso in bianco e nero. Demarchelier pubblica molto su Vogue e Harper’s Bazaar e ha curato le campagne pubblicitarie di marchi come Louis Vuitton, Dior, Chanel e Ralph Lauren e una sua foto può costare tra i 7 mila e i 14 mila euro.

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona tuta puma che sa delle cose in più, e migliora il mondo, E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove, Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post, Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli, È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post, È un modo per esserci, quando ci si conta..

Sempre più aziende decidono tuta puma di creare delle esposizioni su se stesse in musei o spazi per eventi, tra l'arte e la promozione pubblicitaria È un lungo dibattito, che torna fuori ogni volta che stilisti e fotografi fanno entrare il mondo reale nei loro lavori, provocando proteste e polemiche È la nuova tendenza, soprattutto tra le donne: indossare abiti comodi e solitamente relegati alla palestra, nella vita di tutti i giorni.



Messaggi Recenti