Fjallraven Kanken Sale

Sconto Fjallraven Kanken Sale - Enormi sconti in vendita online. Spedizione gratuita e nessuna imposta sulle vendite.

Questo documentario del 2014 è uno dei più famosi film sul mondo della moda degli ultimi anni e ha fatto conoscere la sua protagonista in tutto il mondo, non solo tra gli esperti di moda, tanto da farla diventare a 94 anni la protagonista di una pubblicità di Citroën.  Iris Apfel è un’anziana signora che si veste in modo colorato ed eccentrico, indossando ad esempio moltissimi gioielli vistosi. Divenne famosa nel mondo della moda nel 2005 quando Harold Koda, curatore del prestigioso Costume Institute del Metropolitan Museum fjallraven kanken sale of Art di New York, dovette sostituire una mostra cancellata all’ultimo momento, e decise di esporre gli abiti e gli accessori collezionati da Apfel: ne venne fuori una delle esposizioni di maggior successo del museo, intitolata Rara Avis: The Irreverent Iris Apfel, Da allora Apfel ha collaborato con aziende di moda, ha insegnato Moda all’università di Austin, in Texas, ed è diventata una presenza fissa delle varie settimane della moda..

Iris è stato diretto dal regista Albert Maysles, che insieme al fratello David ha anche realizzato un documentario considerato tra i migliori di sempre, Grey Gardens, sulla vita di Edith Ewing Bouvier e sua figlia Edith Bouvier Beale (“Big Edie Bouvier” e “Little Edie”), rispettivamente cugina e zia di Jacqueline Kennedy, Su SkyGo Iris è disponibile fino al 31 maggio 2017, Su Netflix c’è anche un altro documentario su eccentriche signore di New York note per lo stile del loro abbigliamento: Advanced Style, nato da un blog aperto nel 2008 con lo stesso nome che raccoglie fotografie di persone anziane con uno stile particolare, Il blog e il film, che è stato realizzato nel 2014, sono opera del fotografo Ari Seth Cohen, Protagoniste del documentario sono sette donne di età compresa tra i 62 e i 95 anni che mettono in discussione i luoghi comuni e gli stereotipi sulla bellezza, l’importanza di essere giovani, e l’abbigliamento oltre una certa età. Ari Seth Cohen ha fjallraven kanken sale anche un profilo su Instagram dove pubblica le fotografie delle signore di cui apprezza lo stile..

Di tutt’altro tratta il documentario The True Cost, diretto dal regista Andrew Morgan: questo film spiega gli aspetti negativi della fast-fashion (la moda economica prodotta da aziende come Zara e H&M) e in particolare su come le aziende che vi fanno parte riescano a tenere bassi i prezzi dei vestiti, Sono infatti spesso criticate per le condizioni di lavoro di alcune fabbriche in cui producono i capi; molte appaltano parte della produzione ad altre società che fabbricano tessuti o indumenti in paesi dove la manodopera costa pochissimo e le condizioni di sicurezza dei lavoratori o i loro diritti in quanto tali non vengono rispettate, Il documentario fjallraven kanken sale affronta anche questioni relative all’inquinamento ambientale, Il titolo del film significa “Il costo reale” e fa riferimento sia al prezzo che avrebbero i vestiti se non fossero prodotti sfruttando i lavoratori di paesi in via di sviluppo, sia al prezzo da pagare in termini umani e ambientali per avere sempre nuovi abiti a basso costo..

Nel 2011 è uscito un documentario su Diana Vreeland (1903-1989), una giornalista statunitense di origine francese considerata tra i personaggi più influenti nel mondo della moda negli anni Sessanta. Vreeland diresse la rivista di moda Harper’s Bazaar dal 1936 al 1962, e  Vogue dal 1962 al 1972. Il film è diretto da Lisa Immordino Vreeland, nuora di Diana Vreeland, e contiene anche un’intervista all’attrice Anjelica Huston, la cui carriera di modella è iniziata grazie a Vreeland. Il titolo originale del documentario è  Diana Vreeland. The Eye Has to Travel e riprende una frase di Vreeland: «L’occhio deve viaggiare».

Un’altra famosa giornalista di moda è Carine Roitfeld, protagonista del documentario Mademoiselle C, La signora della moda, che si può vedere su SkyGo fino al 30 fjallraven kanken sale novembre 2016, Roitfeld, che da giovane ha fatto la modella, ha diretto l’edizione francese di Vogue, cioè Vogue Paris, dal 2001 al 2011, diventando famosa semplicemente come “CR”, la sigla con cui firmava i suoi articoli, Dopo aver lasciato Vogue Paris per via delle critiche a un servizio fotografico con bambine che posavano in modo provocante, Roitfeld ha fondato una sua rivista semestrale, CR Fashion Book..

Mademoiselle C. La signora della moda è stato girato dal regista Fabien Constant ed è uscito nel 2013. Nel documentario compaiono molti personaggi famosi, tra cui lo stilista Riccardo Tisci, l’attore James Franco e la cantante Beyoncé. Roxane Lowit non è una stilista né una giornalista, ma una famosa fotografa di moda di cui si dice che è “più famosa delle persone che ha fotografato”. Lowit ha studiato moda e la sua carriera come fotografa è iniziata negli anni Settanta; fotografie scattate da lei sono apparse su riviste come  Vanity Fair, Elle, V Magazine e Glamour. Lowit è nota soprattutto per le sue fotografie delle sfilate e dei backstage delle sfilate, dove è sempre andata vestita completamente di nero per non farsi troppo notare. Nel film diversi personaggi del mondo della moda, tra cui lo stilista Giorgio Armani, raccontano il loro rapporto con lei.

Il documentario, diretto dalla ex modella e attrice Yvonne Sciò, è disponibile su SkyGo fino al 31 ottobre 2016, Fino al 30 settembre SkyGo ha nel suo catalogo anche un documentario sulle top model Eva Herzigova fjallraven kanken sale e Milla Jovovich e sul loro rapporto con il fotografo Peter Lindbergh, che ha scattato immagini di tutte le più famose modelle degli anni Ottanta e Novanta e i cui lavori sono apparsi su  Vogue,  Marie Claire, Interview e Harper’s Bazaar, Lindbergh è noto in particolare per le fotografie in bianco e nero. Il documentario, del 2015, è diretto da Dominique Miceli..

Un altro documentario sulle modelle è Pop Models di Olivier fjallraven kanken sale Nicklaus, che racconta come si sia passati da quelle anonime degli anni Quaranta alle famosissime top model degli anni Ottanta e Novanta, Tra loro c’è Carla Bruni, che è anche una delle voci narranti. Il documentario si può vedere su SkyGo fino al 30 novembre 2016, Nel 2014 il giornalista e documentarista francese Loïc Prigent ha realizzato un documentario che racconta la moda degli anni Novanta mostrandone le sfilate più significative, Il film è diviso in sei parti tematiche: la prima è dedicata allo stile grunge, la seconda al cattivo gusto, poi seguono quella sul “bling” dei gioielli appariscenti, sullo streetwear, sui richiami sessuali e sul minimalismo di alcuni stilisti come Helmut Lang, Tra i personaggi famosi intervistati nel film ci sono lo stilista Jean-Paul Gaultier e, di nuovo, Carla Bruni..



Messaggi Recenti